Approfondimenti

 

Servizi e prodotti

Filtra per professione

Filtra per

Filtra per tipologia

 

A
Abbonamenti Solmap per la formazioneAdempimenti fiscaliAmministrazione trasparenteAntiriciclaggioAttestazione di prestazione energetica
B
Bilanci e pratiche faciliBilancio Dot ComBollini e carta filigranataBustaPaga Dot Com
C
Certificati di ruolo, CNS e Tesserini d'iscrizioneCertificazioni Uniche (CU)Cerved - Banche datiCessione quote SrlCloud Fattura - Emissione fattura elettronicaCodice LEIComunicazione iscritti al Ministero della GiustiziaComunicazione PEC all'Agenzia EntrateComunicazione Sistema Tessera SanitariaComunicazioni FATCA - CRSComunicazioni rapporti finanziariConservazione Cloud Dot ComConsultazione ed estrazione PEC Pubbliche AmministrazioniContabilitàCorsi di formazione OPEN
D
Denunce di successione
E
E-book SolmapEntratel Dot Com
F
Fattura elettronicaFinanza agevolataFirma digitale e marche temporaliFirma grafometrica e conservazione a normaFormazione a distanza con creditiFormazione professionale continua
I
IMU e TASI - Software compilativoIndagini finanziarie - Risposta alle richieste di informazioniInserzioni on-line in Gazzetta UfficialeIntrastat
L
Liquidazioni Iva e Dati fattura
M
Modello 730 - Invio dichiarazioniModello 730 precompilatoModello ISEE - Invio dichiarazioniModello RED - Invio dichiarazioni
P
Pacchetto del commercialistaParcella AvvocatoPDF/APEC - Attivazione e rinnovo casellePEC - Comunicazione in CCIAAPEC Hub - Gestionale caselle clientiPolizza RC ProfessionalePrestazioni AssistenzialiPrivacy GDPR EUProcedure sindaci e revisori (PSR)Processo Civile Telematico (PCT)
S
Sicurezza sul lavoro (D.lgs. 81/08)Siti web per Ordini, Unioni e FondazioniSito di StudioStampati fiscali
T
Terzo settore
V
Visure on-line
W
Welfare aziendale

Pacchetto del commercialista

30 novembre: scadenze IRPEF, IRES, IRAP e imposte sostitutive

Novità
Pubblicato il 6 nov 2018
30 novembre: scadenze IRPEF, IRES, IRAP e imposte sostitutive

Il 30 novembre prossimo scade il termine entro il quale versare l’unica o seconda rata dell’acconto delle imposte (IRPEF, IRES, IRAP e imposte sostitutive) 2018.

Il versamento dell’acconto 2018 non è dovuto nel caso in cui l’imposta del periodo precedente risulti non superiore a:
  • € 51,65 per l’Irpef (rigo RN34 del mod. Redditi PF 2018), l’Irap delle persone fisiche (rigo 21 del mod. Irap 2018) e la cedolare secca (col. 5 del rigo LC1 del mod. Redditi PF 2018);
  • € 20,66 per l’Ires (rigo RN17 del mod. Redditi SC 2018 e rigo RN28 del mod. Redditi ENC 2018) e l’Irap degli altri soggetti (rigo 21 del mod. Irap 2018).
L’acconto può essere versato in un’unica soluzione, entro il 30/11/2018, nei seguenti casi:
  • Irpef e imposte sostitutive: importo dovuto superiore ad € 51,65, ma inferiore ad € 257,52;
  • Cedolare secca: importo dovuto superiore ad € 51,65, ma inferiore ad € 271,07;
  • Ires: importo dovuto superiore ad € 20,66, ma inferiore ad € 257,52.
Per gli acconti dovuti in misura superiore agli importi sopra riportati, possono essere versati in due rate:
  • 40% dell’importo dovuto entro il 2/07/18 o 20/08/18 (con la maggiorazione dello 0,4%);
  • 60% dell’importo dovuto entro il 30/11/2018.
Gli acconti dovuti possono essere calcolati con i seguenti metodi:
  • Storico: determinato sulla base dell’imposta dovuta per il 2017, considerata nella misura del 100%;
  • Previsionale: determinato in misura inferiore all’imposta dovuta per il 2017, su valutazioni del contribuente, in base a minori redditi previsti. Se il versamento risultasse inferiore a quanto effettivamente dovuto sulla base dei redditi prodotti nel 2018 (previsione errata), è applicabile la sanzione per insufficiente versamento.

La scelta dell’uno o dell’altro metodo riguarda la singola imposta.

È obbligatorio eseguire un ricalcolo dell’acconto Irpef e Ires nei seguenti casi:
  • Deduzione forfetaria distributori carburanti: acconto da ricalcolare senza tenere conto di questa deduzione;
  • Noleggio occasionale di imbarcazioni e navi da diporto: acconto da ricalcolare considerando anche i proventi derivanti da noleggio occasionale assoggettati all’imposta sostitutiva del 20%;
  • Liberalità ricevute da imprese con procedura di crisi / concorsuali, che non concorrono alla formazione del reddito quali sopravvenienze passive;
  • Maxi / iper ammortamento di beni strumentali nuovi: acconto da ricalcolare senza tenere conto del maxi ammortamento oggetto di proroga, iper ammortamento e maxi ammortamento delle immobilizzazioni immateriali.

I versamenti possono essere eseguiti anche utilizzando in compensazione verticale / orizzontale crediti a disposizione del contribuente, nei limiti e con le modalità previste.

Vai al servizio
ARCHIVIATO IN:
acconti, acconto irpef, cedolare secca, crediti, ENC, formazione, imprese
CONDIVIDI:

SERVIZIO CORRELATO

Vai al servizio

TI POTREBBERO INTERESSARE:

13 nov 2018
Il Pacchetto del Commercialista è anche cloud!
9 nov 2018
Contributi e sovvenzioni: obbligatoria l’indicazione in nota integrativa
30 ott 2018
Scade domani 31 ottobre l’invio delle dichiarazioni dei redditi
30 ott 2018
Il Pacchetto del Commercialista è anche cloud!
18 ott 2018
La spedizione del modello Redditi 2018
10 ott 2018
Contabilità semplificata: al via la conservazione dei registri IVA integrati

NEWSLETTER

Fattura elettronica

Calcola il tuo preventivo